Valdagno

Filippine

Filippine, realtà ed esperienze

Valdagno, Mercoledì 7 novembre ore 20.30 presso sala video Chiesa di S. Gaetano.

Una serata per conoscere la realtà delle Filippine con epserienze, notizie e dialogo.

Serata organizzata dalla comunità di Valdagno con la presenza di Giorgio Vencato.

Info: m.luisaparlato@libero.it

Un lutto che genera solidarietà

Il marito di Gabriella, Filippo, ci ha lasciato da poco. E’ nato al cielo, come ci dice Gabriella, il 16 dicembre 2016 dopo aver raggiunto il traguardo dei 77 anni. Gabriella e la sua famiglia hanno toccato con mano la forza della preghiera che li ha sostenuto in questo periodo doloroso. “Senza la preghiera palafitta saremmo sprofondati”.

Continua Gabriella: “La nostra croce è sempre stata sostenuta dai tanti Cirenei che si sono alternati con l’amore concreto e ci hanno fatto capire la bellezza di appartenere a una grande famiglia che Chiara ci ha insegnato ad amare e conoscere. Questo ci ha aiutato ad essere ‘la casa sulla roccia’ e l’esempio per tanti… Mi è sembrato di vivere un grande mosaico dove ogni tassello è andato al posto giusto; anche il funerale è stato gioioso e le offert raccolte sono state per i poveri dell’Opera”

Le offerte raccolte sono state donate all’AMU (Associazione per Un Mondo Unito) che le ha destinate a sostegno delle attività produttive familiari in Burundi, attraverso le cooperative di risparmio e credito. Si tratta di attività che rafforzano la fiducia e la condivisione dei bisogni tra coloro che partecipano. La comunità Burundese ha ringraziato ricordando Filippo con affetto e riconoscenza.

 Adozioni a distanza

Ho sempre sentito in cuore di aiutare chi è nel bisogno soprattutto nei Paesi più poveri al mondo.
Ho avuto pure la gioia di conoscere Stefano, un collega di lavoro molto disponibile, che in tanti anni si è assunto l’onere di tenere la contabilità fra i colleghi e la Fondazione ed insieme collaboriamo e ci sosteniamo vicendevolmente.
Conoscendo due delle realtà onlus del mov. dei Focolari AMU (Fraternità con l’Africa) e Ass.ne Famiglie Nuove AFN (Adozioni a distanza) ci siamo frequentemente dati da fare per dare quanto potevamo
di personale, ma anche di coinvolgere altri attraverso queste realtà e anche ad altre.
Ho vissuto un’esperienza particolare in linea con l’impegno di AFN con cui avevo da anni attivato progetti di adozione a distanza. Nel 2003 presso la banca Unicredit dove lavoravo ci misero a conoscenza di un regolamento della Fondazione Unicredit che invitava i colleghi a fare donazioni in gruppo di minimo 10 dipendenti a onlus riconosciute. Seguendo questo invito, la Fondazione raddoppiava quanto versato alla stessa onlus.
Questa opportunità è possibile anche per coloro che si trovano in pensione.
Assieme ad altri del Movimento dei Focolari ci siamo dati da fare per coinvolgere persone interessate contattando amici e conoscenti, sviluppando collaborazioni anche con realtà regionali tra le quali Rovigo assieme ai dipendenti Unicredit e del gruppo papa Giovanni XXIII.
Abbiamo contatti significativi con “Uomo Mondo onlus” di Treviso che aiuta attraverso
il focolare di Gerusalemme le persone in difficoltà vendendo oggetti creati da artigiani di Betlemme.
Abbiamo  contatti  annuali costanti con amici di Vicenza, Milano, Monaco di Baviera e nel tempo con Bologna, Verona, Campobasso, Sicilia e altri.
Il resoconto attuale al 30/6/2016 è di 13 anni di condivisione con AFN (dal 2003) e 10 anni con AMU (dal 2006).
Il totale realizzato compreso il raddoppio effettuato regolarmente dalla Fondazione Unicredit è al 30/6/16 di euro 150.733 (circa 65% AFN e 35% AMU).
Non si può descrivere la soddisfazione dei risultati raggiunti, ma è sempre una grande luce che si accende nel buio del nulla, e ogni anche piccolo atto d’Amore resta per sempre. E solo questo Vale.
Gianni, Stefano e i nostri fedeli sostenitori.
Per chi fosse interessato a diffondere l’iniziativa è possibile scrivere a hustg1@alice.it o telefonare a Stefano: 340/3475936

16 Luglio – Festa del Patto

cb

“Ci si sforzava di vivere il nulla di noi perché Egli vivesse in noi. E anche il nulla di noi perché Egli trionfasse in noi”.

Un giorno del 1949 (16 luglio), su questo nulla, alla S. Comunione, amata e riscoperta come vincolo d’unità, Chiara Lubich e Igino Giordani hanno chiesto a Gesù di unire, come Lui sapeva, le loro anime, stipularono così un patto di unità forte, dove tutto confluise e tutto riparte .

Sperimentarono così una grazia tutta speciale, significava diventare cellula viva del Corpo Mistico di Cristo, essere Gesù, divinizzati.

Per ricordare questo momento, il 16 luglio 2016, giorno del Patto e festa della Madonna del Carmelo, le comunità locali di Schio-Thiene e Valdagno si sono ritrovate (60 persone circa) sulle verdeggianti colline di Monte di Malo, ospitati in modo speciali a casa di Teresio e Flavia.

E’ stata celebrata l’Eucaristia, nella quale Don Lorenzo ci ha fatto dono di alcune note di storia della Madonna del Carmelo e rivissuto insieme il giorno del Patto, Gesù in me e negli altri, rafforzando così fra noi questa unità a vivere l’Ideale con decisione , non perdere la meta: il fratello.

Al termine c’è stato un momento di festa in cui si è condiviso ciò che ciascuno ha portato, creando così lo spirito di famiglia.

a

Valdagno

Il movimento dei focolari è concretamente presente in vari modi nella Vallata dell’Agno, dal comune di Recoaro Terme a Trissino.

E’ nato negli anni 60/70 da un gruppo di persone venute a contatto con il movimento e raggruppa tutti quelli/e che ne hanno conosciuto o desiderano conoscere la spiritualità di Chiara Lubich, per costruire l’unità in tutti i rapporti umani nel rispetto reciproco e nella fraternità, secondo lo Spirito del Vangelo. Ad essa aderiscono persone di vari gradi di impegno e coinvolgimento, aperta a tutti e attenta alle richieste di ogni realtà sia sociale che religiosa; a progetti che interessano il territorio (spaziano ad ampio raggio), collaborando ad iniziative di cooperazione internazionale.

Durante l’anno vengono programmati incontri fissi con lo scopo di ravvivare la conoscenza reciproca e mantenere vivo lo spirito di famiglia fra tutti.

Vita e impegno della Comunità di Valdagno

Giugno 2015
Mariapoli di Recoaro Terme
Mariapoli_Recoaro

Alla Mariapoli di Recoaro Terme hanno partecipato più di 500 persone metà stabili nei vari alberghi e metà pendolari, quest’ultimi abitanti nelle vicine località. Essendo stata una Mariapoli aperta a tutti, i cui temi spaziavano nei vari mondi sociali e culturali, le serate sono state estremamente seguite e partecipate anche da altri abitanti di Recoaro.
La disponibilità e la collaborazione della Parrocchia e dell’amministrazione comunale è stata fondamentale per il regolare svolgimento degli incontri, infatti sono stati messi a disposizione il bel teatro comunale e altri locali pubblici più il verde pubblico per fare festa, la chiesa per la S.Messa, l’oratorio per i giovani…

Maggio 2015
In occasione della Mariapoli che si svolgeva a Recoaro, a Spagnago, presso il salone parrocchiale, si è svolto un momento di festa con una semplice cena. Tutti hanno cercato di invitare persone nuove e nel mezzo della festa è stato proposto un filmato che spiegava cos’è una Mariapoli e alcune immagini ed esperienze della prima Mariapoli a Fiera di Primiero negli anni ’50. Questo ci ha dato la possibilità di invitare le persone a partecipare, e la risposta è stata molto positiva.

Dicembre 2014
Per fare famiglia e non dimenticare nessuno, per farci gli auguri di Natale, è stata fatta una cena preceduta da una S. Messa in suffragio dei nostri aderenti defunti, li abbiamo ricordati uno ad uno con una certa commozione per la loro vita che ci risuonava nel cuore.
Sono stati invitati i parenti a partecipare sia al rito che alla cena. Alla S. Messa eravamo più di 100 e circa 80 alla cena. La festa conviviale ci ha dato l’opportunità di proiettare un DVD che illustrava esperienze di vita del cammino attuale del Movimento dei Focolari nel mondo.

Giugno 2014
A Cerealto, un paese in collina vicino a Valdagno, è stata fatta un’uscita della comunità, invitando amici e conoscenti a portare qualcosa da mangiare e poi condividere tutti insieme il pranzo del mezzogiorno.
Nel pomeriggio è stata fatta una caccia al tesoro fra le varie età, momento divertente e di unità. Abbiamo terminato la giornata con la S. Messa celebrata da don Efrem che ha sigillato questa giornata speciale.

Febbraio 2014
Cena sociale con cooperazione internazionale per sostenere il progetto nelle Filippine di Giorgio Vencato, un popo missionario di Valdagno, che sta costruendo un forno per fare il pane.

Ottobre 2013

Valdagno_Loppiano

Gita a Loppiano, citta della fraternità. Un paese vicino a Incisa Val d’Arno in provincia di Firenze, dove persone di tanti paesi e varie culture vivono insieme chi alcuni mesi, chi alcuni anni, costruendo e consolidando lo spirito di fraternità, mettendo in pratica la Parola di Dio in tutti i rapporti della vita quotidiana.

Estate 2013
Nel  2013 si è concretizzata una Festa della Culture con la partecipazione di vari popoli, Serbia, Moldavia, Ucraina, India con stand gastronomici, e altri, con la presenza di circa 500 persone nella bellissima cornice del Parco “La Favorita” di Valdagno. E’ stato un cammino iniziato nel Gennaio 2012 con l’iniziativa di don Gianluca Padovan della parrocchia del centro di Valdagno:

Ci siamo ritrovati una domenica pomeriggio tra alcune associazioni cristiane fra cui : Acli, Mov. Focolari, Az. Cattolica insieme con questi popoli:Ghana, Ucraina, Moldavia e ognuno portava la propria esperienza.
A seguire una s. Messa animata con canti proposti da amici Ghanesi, circa 70 persone nelle prime file insieme davanti all’altare, e altrettante amiche Moldave e Ucraine pure loro nelle opposte prime file in quanto i 2 gruppi hanno animato la s. Messa cantando ora l’uno ora l’altro gruppo, è stato emozionante.
Il vice sindaco di Valdagno (assessore alle politiche sociali, ora sindaco di Valdagno) che avevamo invitato alla s. Messa ci ha subito contattati dicendo: “anche il comune di Valdagno è interessato a questo avvenimento che può portare frutto ”, da lì è nata poi la Festa delle Culture che si è svolta negli anni ‘13 e ‘14.
Un effetto di questa iniziativa/amicizia è stato che le 2 rappresentanti moldave e ucraine partecipano quando possono ad alcuni incontri della nostra comunità locale.