Lonigo – Cologna Veneta

10603578_817511498299894_3401714663759755682_n[1]

Vita della Comunità di Lonigo e Cologna Veneta

Festa del Giocattolo Non Tecnologico

Sabato 10 e Domenica 11 settembre si svolgerà a Lonigo un’iniziativa dedicata al contrasto dell’azzardo.

Con il patrocinio del Comune di Lonigo si propongono giochi da tavolo, giochi di ruolo e altre attività ludiche per promuovere la cultura del gioco.

Nel corso della manifestazione saranno proposte le iniziative della campagna: Slotmob – Lonigo 10-11settembre2016 alle ore 16.00 presso piazza Garibaldi a Lonigo, e la presentazione del libro “Vite in gioco. Oltre la slot economia” di Carlo Cefaloni, ed. Città Nuova.

Per chi volesse partecipare si possono ricevere informazioni contattando:

Loretta Danieli Burato lorettasereno2014@gmail.com – cell. 347 3937572;
Graziano Martelletto – martelletto1969@gmail.com – cell. 392 8878346.

 

Informazioni generali sull’evento:
Mail: slotmobvenezia@gmail.com
Facebook: PlayVi

 

Lonigo10_11_2016

 

____________________________________________________________

Condividere il dolore unisce e ci fa essere una sola famiglia

Conosciamo Jassim da alcuni anni: Lavora qui in Italia come operaio e manda i soldi alla sua famiglia numerosa che si trova in Senegal (5 figli dai 13 ai 22 anni  e la moglie).

L’anno scorso sua moglie è venuta in Italia, sperando di trovare un lavoro e ottenere il permesso di soggiorno mentre i figli sono rimasti in Africa con nonni e zii. Sono di religione musulmana e per il rapporto di amicizia che si è stabilito fra noi abbiamo partecipato insieme  ad un incontro interreligioso organizzato dal Movimento dei Focolari. Mirelle ha una fede molto profonda ed aveva l’autorizzazione di insegnare in una scuola coranica.

Due mesi fa Jassim, molto agitato, ci comunica che suo figlio più piccolo di 13 anni è scomparso e, malgrado le ricerche della polizia, nessuno ha sue notizie. La paura di tutti è che sia stato rapito dai trafficanti di organi perché in una grande città come Dakar spesso scompaiono dei bambini.

Io e mio marito cerchiamo di essere loro vicini per sostenerli e aiutarli per le loro necessità. Da lì a poco Mirelle decide di partire subito per Dakar.

Assieme a mio marito abbiamo intensificato la preghiera coinvolgendo la comunità dei focolari della nostra città, gli amici musulmani e i padri comboniani. Tutti uniti abbiamo chiesto, nel nome dell’unico Dio, il miracolo del ritrovamento del bambino.

Nelle settimane successive mi sono attivata per cercare dei contatti in Senegal dove è presente una comunità del movimento dei focolari.

Dopo 2 giorni ho ricevuto un messaggio da una persona del Movimento di Dakar che mi assicura un aiuto concreto attraverso alcune iniziative che intende intraprendere. Interpreto questa risposta come un segno. E’ come se Gesù mi ripetesse: “Confidate, Io ho vinto il mondo”.

Dopo 3 settimane dalla scomparsa di suo figlio, Jassim mi confida: «non ce la faccio più, non riesco più a lavorare, a dormire!».

E’ il momento di condividere con lui la sua disperazione e comprendo, forse per la prima volta,  come anche il dolore unisca profondamente gli uomini, al di là del credo religioso, della nazionalità, del colore della pelle.

Come cristiana riconosco nel dolore di Jassim le parole di Gesù gridate sulla croce: «Dio mio, Dio mio perchè mi hai abbandonato?», e con fede  continuo a credere che anche attraverso questo patire Dio è vicino a tutti noi. Comunico questa mia intenzione a Jassim e anche lui intuisce che l’amore di Dio lo segue e si rasserena.

Dopo un mese si precipita da noi per annunciarci che suo figlio è stato ritrovato. Era stato sequestrato dal capo di una setta islamica ed aveva subito una sorta di “lavaggio del cervello”. Era molto confuso e disorientato ma sano e salvo.

Ci siamo abbracciati, in quel momento eravamo una sola famiglia.

Anche se non conoscevo quel bambino, era come se fosse mio figlio perché avevo condiviso con la sua famiglia, fino in fondo, la loro sofferenza. (I. Cologna Veneta)

_______________________________________________________________________

Il carisma di Chiara Lubich è giunto nel nostro territorio negli anni 70 e attualmente la comunità comprende i comuni di Sarego, Lonigo, Alonte, Orgiano, Sossano, Barbarano, Noventa Vicentina, Asigliano Veneto, i territori del Colognese e San Bonifacio.

Nel 2015 a Lonigo si è collaborato per la realizzazione di due momenti nell’ambito della “settimana della comunità” proposta dalla Diocesi di Vicenza. Nella parrocchia di Lonigo è stata organizzata una serata per famiglie con testimonianze di due famiglie del Movimento Famiglie Nuove e una serata dove è stato presentato il musical su Marco Amato Bettiol “Compagni di viaggio” .

Lo scorso maggio la nostra Gen Cristina Guarda ha sentito di impegnarsi in politica candidandosi alle elezioni per la Regione Veneto dove è stata eletta e dove vive e porta il Carisma dell’Unità. E’ stata per tutti una occasione per rivedere il nostro essere cittadini attivi e riscoprire la fraternità in politica.

Assieme ad altre associazioni della zona è stata organizzata una giornata contro l’azzardo con uno stand dove per tutta la giornata si è potuto parlare dell’azione SlotMob e spiegarne le finalità.

Per rispondere alla situazione grave dei rifugiati è stata fatta una raccolta di indumenti e generi alimentari per la popolazione di una zona della Siria in grande difficoltà coinvolgendo nell’azione molte persone tanto che in pochi giorni sono stati raccolti molti generi che sono stati portati in Siria con un camper da due persone esperte del luogo.

Le persone che condividono il carisma di Chiara si incontrano periodicamente per vivere insieme il collegamento CH internazionale e per condividere le esperienze che si fanno vivendo il Carisma.

Panorama_Cologna_Veneta[1]Lonigo-115[1]